Tavola Periodica del SEO: tutti gli elementi per il giusto mix

Tavola periodica del seo

Il SEO “Search Engine Optimization” è una delle più importanti attività di marketing a disposizione delle aziende e degli editori web, anche se talvolta risulta un po’ oscuro da interpretare e mettere in pratica. Sostanzialmente è rappresentato da una combinazione di elementi che viene intercettata dai motori di ricerca (algoritmo): più è equilibrata e ben dosata questa combinazione, e più il nostro sito web, pagina o articolo risulterà visibile e trovato dai motori di ricerca.

Fatta questa premessa, la Tavola che vi proponiamo risulta essere di estrema utilità sia per chi si approccia al Seo per le prime volte, sia per chi già si ritiene un esperto. L’immagine che vi proponiamo è scaricabile in alta definizione a questo link che indichiamo per questione di correttezza nei confronti di chi l’ha ideata e sviluppata.

L’infografica presentata da “Search Engine Land” chiamata “Tavola periodica del SEO” è veramente esplicativa e permette di trovare più facilmente il “bandolo della matassa” all’interno di un argomento molto complesso e presenta in modo visibilmente chiaro i fattori più rilevanti che possono aiutare ad ottenere traffico dai motori di ricerca.

Come già molti di voi sapranno la “ricetta ideale” non ha indicazioni precise e quantitativi esattamente dosabili ma risulta essere la migliore combinazione di tutti quanti gli ingredienti. Quello che possiamo fare in questa sede è fornirvi una chiave di lettura della tavola per interpretarla al meglio e sfruttarla per ottenere il massimo della visibilità.

 

Per cominciare le indicazioni in blu scuro sulla sinistra indicano gli argomenti principali a cui bisogna fare particolarmente attenzione e che sono stabiliti a monte, cioè direttamente da chi progetta il sito web (webmaster). Tanto per citarne alcune: qualità delle pagine, parole chiave utilizzate, titoli, descrizioni e tag, velocità di caricamento del sito e url.

tavola periodica del seo

 

In verde sulla destra invece troviamo i fattori SEO che sono influenzati dai visitatori, dai clienti e altri publisher: anche qui possiamo citare ad esempio la qualità dei link in ingresso, la cosiddetta reputation aziendale, e naturalmente l’influenza dei social media. La guida giusta per fare un buon lavoro è fare in modo che si risponda positivamente alle domande effettuate accanto ad ognuno degli elementi citati.

tavola periodica del seo

Infine in rosso, in modo da essere messe ben in evidenza, vengono riportate tutte quelle pratiche che possono farci perdere traffico o essere addirittura esclusi dai risultati di ricerca: per fare qualche esempio pratico: post o articoli “vuoti” e senza significato, acquisto di link in ingresso o spamming verso altri siti o blog.

Tavola periodica del seo

Rischiando di essere ripetitivi è bene concludere che solo combinando bene strategie, tecniche e suggerimenti, mixandoli con intelligenza e intuito, si otterranno risultati in termini di traffico e visibilità: per farlo la Tavola che vi suggeriamo rappresenta un’ottima guida per il lavoro da svolgere.

Per qualsiasi ulteriore informazione, richiesta di dettagli o commenti

[button href=”mailto:info@wiff.it”]contattaci per maggiori informazioni[/button]

 
Giorgia Calcagni
Laurea in comunicazione d’impresa con 15 anni di esperienza nella comunicazione above e below the line. Ha lavorato tra gli altri per Sipra, Richard Ginori e Regione Marche
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × uno =