Articoli

Up and Down del Marketing digitale: le tendenze che potrebbero scomparire nel 2017

Chi si trova a studiare la strategia di marketing digitale per questo 2017 non può non tenere conto delle supposizioni e dei chiacchiericci che si mormorano tra gli addetti ai lavori.
Se è vero che in un mondo in costante cambiamento nulla può essere dato per scontato, è altrettanto vero che fare un’analisi preliminare dell’ambiente è fondamentale per non incappare in investimenti fallimentari.

Arrivano dal sito Mashable i consigli sulle 5 tendenze del marketing digitale che potrebbero scomparire nel 2017:

POPUP : Google, nelle sue ultime linee guida ufficiali, ha dichiarato apertamente che i popup sono annunci che distraggono e infastidiscono l’utente. Nell’ ultimo Quality Rater di agosto 2016 l’azienda ha annunciato di voler penalizzare tutti i siti web che utilizzano i popup pubblicitari perciò attenzione ad usarli o il vostro sito sarà considerato di bassa qualità a vantaggio dei siti che hanno già rimosso queste fastidiose inserzioni pubblicitarie.

TWITTER: sono anni ormai che Twitter sembra essere incapace di riprendersi soprattutto se si paragona il suo andamento con la crescita esponenziale degli altri social, Snapchat ed Instagram su tutti. Nonostante le numerose modifiche effettuate come il non conteggiare immagini, video e altri allegati nel limite dei 140 caratteri, la società sembra non riuscire a stare al passo con le novità del momento.
Dopo i licenziamenti e le fallite vendite, il social chiede consiglio ai suoi utenti che chiedono a gran voce di poter modificare i post dopo la pubblicazione. Staremo a vedere se il CEO Jack Dorsey consentirà questa nuova opzione, intanto a noi non resta che fare un in bocca al lupo al social cinguettante con l’augurio di ritornare presto tra i top trend del marketing digitale!

GRANDI BANNER PUBBLICITARI: sono lontani i tempi in cui i grandi banner pubblicitari invadevano tutti i siti. Ad oggi gli utenti si dicono infastiditi da questi avvisi che distraggono la concentrazione dall’obiettivo principale. L’attenzione delle aziende si sta lentamente spostando verso nuove tendenze del web marketing come il native advertising, che ha dimostrato di avere il 50% in più di probabilità di generare contatti. Questo trend è alimentato anche dal crescente utilizzo di mobile per i quali i tassi di click sui banner sono notoriamente inferiori.

IMMAGINI DA ARCHIVI: la parola d’ordine è autenticità. Gli utenti sembrano preferire le immagini e i video personalizzati che parlano dell’azienda, dei dipendenti e dei clienti. Perciò care aziende è giunto il momento di dire addio alle immagini stock acquistate o scaricate da siti specializzati a vantaggio di quelle autentiche create appositamente per l’evenienza.

FALSE RECENSIONI: le recensioni dei prodotti e dei servizi sono fondamentali per la finalizzazione degli acquisti ed è per questo che sempre più aziende ricorrono a recensioni false o a pagamento. Gli acquirenti online però, oltre ad essere sempre più numerosi sono sempre più esperti e non si lasciano facilmente ingannare. Le aziende specializzate in e-commerce dal canto loro, stanno cercando di arginare il fenomeno. Amazon, per esempio, già nel 2015 ha presentato diverse cause contro aziende che hanno pubblicato false recensione dei loro prodotti.

 

Quali sono invece i trend da seguire per un’ottima strategia di Marketing digitale? Scoprilo QUI