Avere un sito lento avrà diverse conseguenze, tutte negative.

Quando un utente arriva su una pagina web il tempo massimo di attesa durante il caricamento è di circa sette secondi, mentre già dopo 3 secondi il 57% delle persone abbandonano il sito. Ciò significa che se il tuo sito è lento molto probabilmente il cliente non attenderà nemmeno che la pagina si carichi, ma anzi la abbandonerà prima ancora di averne visualizzato il contenuto, spostando la sua attenzione verso altri risultati della ricerca.

Anche per quanto riguarda il posizionamento SEO, la lentezza è una caratteristica discriminante. Google è molto attento a questo aspetto, infatti nelle sue istruzioni per i web master consiglia di:

“Monitorare le prestazioni del sito e ottimizzare i tempi di caricamento” poiché “l’obiettivo di Google è offrire agli utenti i risultati più pertinenti e un’eccellente esperienza. I siti veloci aumentano la soddisfazione degli utenti e migliorano la qualità generale del Web.”

In definitiva se il tuo sito è lento, i soldi investiti in campagne advertising non raggiungeranno i risultati sperati e sarà tutto a causa di un problema strutturale.

Il vostro sito è veloce? Pensate di essere fuori pericolo?

Ma cosa succederebbe se il numero di visite aumentasse di molto?
Se un sito è strutturato male, di fronte a una massa inusuale di visite collassa, diventando a mano a mano sempre più lento fino a risultare irraggiungibile, trascinando giù con sé i vostri affari e i vostri guadagni. Per questo è necessario fare dei controlli fin da subito, prima che la situazione diventi irrecuperabile.

Quali sono le principali cause che rendono un sito lento?

Le motivazioni per cui un sito è lento potrebbero essere molte: un codice sporco, elementi grafici troppo pesanti, un server scadente…

Analizziamo le principali cause e cerchiamo di comprendere come rimediare.

  • IL SERVER: in generale meno si spende per il noleggio di un server e meno questo sarà performante. Hosting low cost potrebbero portare a prestazioni molto scarse. Quando si sceglie il server da acquistare è bene comprendere i diversi servizi offerti o rivolgersi ad uno specialista che sappia individuare la soluzione migliore per ogni diverso tipo di business.
  • IMMAGINI: Le immagini troppo pesanti rallentano il sito. Esistono appositi programmi online che riescono ad alleggerire le immagini senza che perdano in qualità.
  • CHIAMATE A SERVER ESTERNI: il collegamento a server esterni di cui non si ha il controllo può causare rallentamenti della pagina. Sarebbe bene tenere sotto controllo i plugin, riducendo l’uso di widget e valorizzare solo quelli davvero necessari.

In generale vale la regola che possiamo offrire il miglior servizio o prodotto sul mercato ma, se per problemi tecnici l’utenza non riuscirà ad effettuare l’acquisto, tutto il lavoro, il tempo e i soldi spesi per la creazione del nostro sito saranno vani. Un sito lento limiterà la navigazione e l’interazione dell’utenza aumentando la percentuale di rimbalzo e influenzando negativamente le conversioni effettuate dai visitatori.

In parole povere? L’utente scappa e l’imprenditore non guadagna!

Se hai bisogno di un’analisi del tuo sito già esistente o vuoi creare il tuo sito da zero

Giorgia Paoletti
Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in web marketing. Si occupa di gestione dei social media e di produzione di contenuti con particolare attenzione all’ottica SEO.