Hai mai sentito parlare di protocollo HTTPS? Il tuo sito web possiede il certificato SSL?

Se queste domande ti spaventano e non sai come rispondere sei nel posto giusto.

Cerchiamo di fare chiarezza e di comprendere come poter aumentare la sicurezza e il posizionamento del tuo sito.

Il protocollo HTTP, fino ad oggi, è il protocollo più comune utilizzato per la navigazione in rete; esso però risulta essere vulnerabile per quanto riguarda il grado di crittografia dei suoi dati, che sono facilmente intercettabili da chi è  in grado di entrare nello scambio di informazioni tra le parti.

Con l’ HTTPs invece, attraverso il certificato SSL, i dati in entrata e in uscita sono resi indecifrabili attraverso la creazione di un canale di comunicazione criptato che garantisce l’identità delle parti e la riservatezza dei dati scambiati.

La comunicazione HTTPs è stata creata come precauzione ad un eventuale attacco haker e garantisce che solo il  Client e il Server siano in grado di conoscere i contenuti delle comunicazioni, impedendo a terze parti di “entrare” nei messaggi scambiati e di comprometterne il collegamento.

Ma passiamo ad un livello più pratico.

Fino a questo momento il certificato di sicurezza SSL era essenziale per tutti quei siti che richiedono informazioni sensibili agli utenti tra i quali rientrano:

  • Moduli per la registrazione
  • Le informazioni sensibili necessarie per il pagamento (coordinate bancarie, numero di carta di credito …)
  • Dati di registrazione (nome, indirizzo, numero telefonico, e-mail …)
  • Dati di accesso e login (nome utente, indirizzo e-mail, password …)
  • Documenti privati caricati dai clienti

Perché oggi è diventato così importante avere un sito che garantisca una connessione protetta attraverso l’HTTPs?

Già da diverso tempo Google ha annunciato di voler rendere il web un posto più sicuro incrementando la sicurezza e la privacy degli utenti includendo il protocollo SSL nell’algoritmo che determina i posizionamenti dei siti web.

Oltre ad avere una protezione elevata dei propri dati ed assicurare una buona tutela dei propri clienti quindi, il certificato di sicurezza migliorerà anche la posizione del sito web incidendo sul Ranking SEO.

In parole semplici con la nuova normativa che Chrome ha presentato a Gennaio 2017, per incoraggiare i possessori dei siti web a passare da HTTP  a HTTPs ed  aumentare la sicurezza sul web, se rendi il tuo sito sicuro Google lo noterà posizionandolo più in alto rispetto ai siti che utilizzano una connessione non sicura.

Ma come riconoscere un sito sicuro?

Google Chrome utilizza diverse icone per definire lo stato di sicurezza

https

Controllare la sicurezza di un sito è molto semplice, basta aprire una pagina e controllare il simbolo presente a sinistra dell’URL del sito in questo modo:

https

Il lucchetto verde segnala l’affidabilità del sito ed è un segnale di riservatezza che incrementa la fiducia dell’utente.

Puoi trovare la Guida di Google Chrome per verificare se la connessione ad un sito è sicura QUI.

Vuoi passare ad HTTPs ma non sai come fare?

Giorgia Paoletti
Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in web marketing. Si occupa di gestione dei social media e di produzione di contenuti con particolare attenzione all’ottica SEO.