La gestione dei social network in maniera professionale ha ripercussioni positive sull’immagine di un’azienda. Prima che delle vendite, chi si trova a promuovere un brand sui social, si occupa di curare la brand reputation ovvero la reputazione del marchio.

Sia i clienti abituali che le persone che scoprono per la prima volta il tuo brand, sicuramente ti cercheranno  sulle pagine dei principali social (se non lo hanno già fatto) per conoscere le ultime novità, le offerte speciali o semplicemente i prodotti o servizi che offri.

Presentare pagine social sempre aggiornate quindi è un bene per la tua attività ma purtroppo non è sufficiente.

Gestire un canale di comunicazione non significa solamente aggiornare regolarmente il profilo ma farlo sulla base di una serie di valutazioni preliminari basate su obiettivi prefissati, seguendo una strategia ben pianificata ed eseguendo un continuo monitoraggio dei risultati ottenuti.

gestione sociale network

REGOLE GENERALI PER LA GESTIONE DEI SOCIAL:

  • Proponi regolarmente nuovi contenuti
  • Sviluppa una strategia social
  • Pianifica le pubblicazioni
  • Monitora i risultati

Nonostante la difficoltà sono molti gli imprenditori e i liberi professionisti che decidono di occuparsi in autonomia della gestione dei social network aziendali.

Ecco alcuni consigli per utilizzare al meglio i principali social media aziendali:

  • Facebook

    Facebook è il social media più utilizzato al mondo contando 30 milioni di utenti attivi solo in Italia e se usato in maniera corretta le sue potenzialità sono infinite e i risultati non tardano ad arrivare.

    Per un uso professionale di Facebook è innanzitutto necessario creare una Pagina e non un profilo personale ed inserire un’immagine del profilo che rappresenti la tua azienda e sia facilmente riconoscibile dai tuoi potenziali fan.

    Tutti i profili personali che orbitano intorno alla Pagina, dall’ eventuale profilo personale col nome dell’azienda creato per gestire la Pagina ai profili dei dipendenti, dovranno essere opportunamente configurati per rimanere scollegati dalla Pagina aziendale e settati al fine di non creare confusione e confondere la vita dell’azienda con quella privata dei collaboratori.

    Fondamentale è anche inserire una breve descrizione e compilare con attenzione la sezione Informazioni (orari di apertura, indirizzo, numero di telefono, sito web).

    Per quanto riguarda i contenuti prova a differenziarli: alterna post con foto e video inerenti alla tua azienda o alle tue promozioni con articoli o informazioni rilevanti per i tuoi utenti.

    Ricorda di farti vedere sempre interessato ai commenti dei tuoi clienti rispondendo, magari in privato, e che grazie a Facebook potrai aumentare la copertura dei tuoi post investendo un piccolo budget in pubblicità con Facebook Ads.

  • Twitter

    Grazie a Twitter potrai farti trovare e seguire da persone potenzialmente interessate al tuo business tramite l’utilizzo degli hashtag (parole chiave precedute da #).

    Anche per questo social media è fondamentale la personalizzazione dell’account tramite l’immagine di profilo e la descrizione.

    Per avere successo su Twitter pubblica frequentemente contenuti di qualità, di interesse e facilmente condivisibili dai tuoi follower e a tua volta condividi post scritti da altri.

    L’utilizzo di Twitter è sempre più frequente durante conferenze ed eventi, in assenza o in supporto della diretta streaming, per permettere a chi interessato di seguire l’evento in questione attraverso l’utilizzo di hashtag dedicati.

  • Instagram

    Il più giovane tra i social network è quello che sta subendo la crescita più veloce. Basato sulle fotografie può permetterti di raccontare la tua azienda tramite le immagini.

    Qui abbiamo analizzato come utilizzare Instagram per le aziende. 

  • Linkedin

    Linkedin può diventare il miglior biglietto da visita per la tua azienda. Permette, oltre che inserire una dettagliata descrizione dell’azienda, di pubblicare articoli e di intraprendere vere e proprie discussioni di settore.

    Poiché all’azienda possono essere associati i profili dei dipendenti, sollecitali ed aiutali ad ottimizzare il proprio profilo. Un pessimo profilo di un dipendente, oltre a ledere la sua immagine professionale, lede anche quello dell’azienda che nolente o volente lui rappresenta in LinkedIn.

    Per maggiore autorevolezza puoi anche pensare di coinvolgere i tuoi dipendenti nello scrivere articoli a nome dell’azienda da condividere anche attraverso i profili personali.

  • Google+

    Creato sul modello di Facebook, gli utenti potranno aggiungere il profilo della tua azienda alla propria cerchia e visualizzare in questo modo i tuoi aggiornamenti.

    Anche per questo social produci e condividi contenuti interessanti per il tuo target. Ricorda inoltre che questo social è gestito direttamente da Google che privilegia, durante le ricerche, i contenuti pubblicati  su questo social dai nostri “amici di cerchia”.

  • YouTube

    Il social network dei video. Puoi utilizzarlo per presentare prodotti, offrire brevi consigli o consulenze, mostrare luoghi o paesaggi ecc.
    Ricorda, anche per questo social, di inserire una valida descrizione della tua azienda e di utilizzare per il tuo canale un nome e un’immagine del profilo che facciano subito pensare alla tua azienda.

    YouTube inoltre, è il secondo motore di ricerca più utilizzato nonché di proprietà di Google. Utilizzando le giuste parole chiave per i tuoi video avrai la possibilità di comparire nei risultati di ricerca dei due motori di ricerca più utilizzati al mondo.

Vuoi guidare lo sbarco della tua azienda sui social e hai bisogno di supporto?

Contattaci per una consulenza gratuita.

Inviaci email

Giorgia Paoletti
Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in web marketing. Si occupa di gestione dei social media e di produzione di contenuti con particolare attenzione all’ottica SEO.