intervista_andres_neumann

Intervista ad Andres Neumann: la realizzazione del video

Abbiamo visto come i contenuti, e nello specifico i contenuti originali, personalizzati e di qualità, siano fondamentali per il web marketing di oggi e del prossimo futuro. Ma non basta. I contenuti di qualità raccontati attraverso un video saranno sempre più richiesti, cliccati e condivisi. 

E’ proprio a questo proposito che oggi vogliamo raccontarvi la storia di un prezioso archivio salvato da un'alluvione e del video che è stato realizzato per documentare questo salvataggio. E' una delle storie di Prodoc, un'azienda per la quale Wiff si occupa di seguire il marketing sotto tutti gli aspetti: a cominciare dall’elaborazione di un piano strategico per arrivare alla realizzazione del sito web; dall’ideazione di campagne ingaggianti alla redazione dei contenuti e testi per il blog; dall’ottimizzazione SEO alla gestione dei social media. Insomma proprio tutto. 

In breve cosa è successo? Il 20 ottobre scorso un'alluvione colpisce Pistoia e danneggia gravemente l’archivio di Andres Neumann, da lui stesso gentilmente donato nel 2010 all’associazione culturale Il Funaro. L’archivio rappresenta uno dei più importanti patrimoni documentali relativi alla storia dello spettacolo mondiale degli ultimi quarant’anni. Andres Neumann è stato infatti un grande punto di riferimento per artisti di assoluto prestigio internazionale come ad esempio Peter Brook, Ingmar Bergman, Dario Fo, Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Pina Bausch e Luca Ronconi.

In seguito all’accaduto, la nostra cliente Prodoc interviene tempestivamente e in tempi brevissimi raccoglie, bonifica e recupera tutto il prezioso materiale che altrimenti sarebbe andato perduto, vale a dire una buona parte dei circa 60.000 pezzi tra contratti, corrispondenza, dossier di compagnie, progetti di regia, documentazione fotografica, rassegne stampa, locandine, manifesti e audiovisivi: documenti che testimoniano l’attività dei più grandi Maestri del ’900 nell’ambito della storia dello spettacolo.

 

L’intervista ad Andres Neumanndimostra quanto sia importante testimoniare l’accaduto e divulgarlo con i giusti mezzi: in questo caso Wiff ha realizzato per la cliente Prodoc un video che fa parlare in prima persona proprio il detentore del patrimonio a rischio – una sorta di testimonianza – e fa capire chiaramente l’importanza del lavoro fatto mettendo in rilievo le competenze dell’azienda e dei suoi tecnici.

Il video dell’intervista ad Andres Neumann rappresenta uno degli step fondamentali di un lavoro molto complesso che parte da una strategia di marketing per arrivare alla realizzazione di un prodotto finito. Per ogni video che realizziamo viene fatto:

  • attento studio dei contenuti da proporre
  • storyboard di massima
  • a seconda delle esigenze dettate dal tipo di lavoro o dal cliente coinvolgiamo almeno 2 operatori video con esperienza nel settore
  • realizzazione dei filmati in alta risoluzione


E' un dato certo il fatto che ogni utente almeno nell'ultimo anno, navigando in rete, abbia visto almeno un video. Il settore del video marketing non solo è in crescita ed espansione ma porterà grandi novità: non dimentichiamo che sul web tutto o quasi è possibile grazie alla velocità con cui tutto si può produrre creare inventare. Non sottovalutate mai la grande efficacia di un video professionale che deve però essere affidato a seri professionisti del montaggio, del marketing e della comunicazione on line.

 

intervista_ad_andres_neumannintervista_andres_neumann

 

[socialbox title=”Per una consulenza marketing o per la realizzazione di un video scrivici!” url=”mailto:info@wiff.it” icon=”http://www.wiff.it/wp-content/themes/proxim/images/contact/01.png” colore=”#A66A00″]

 
content_marketing

Content marketing: 3 leve per coinvolgere tutto il team

Il content marketing abbiamo visto essere uno dei trend principali su cui puntare attenzione e forze in questo 2014 (per leggere l’articolo http://goo.gl/0Fn94H  ). Nella maggior parte delle aziende oggi risulta fondamentale fornire informazioni e contenuti accattivanti per convincere, coinvolgere e fidelizzare la propria clientela.

Ma l'obiettivo del content marketing non è quello di produrre più materiale possibile, quanto quello di raggiungere gli obiettivi di business attraverso un sapiente uso dei contenuti.

E come fare per produrre regolarmente e costantemente contenuti di qualità, originali ed interessanti? Anzitutto partiamo dal fatto che una buona organizzazione di base è la chiave per partire bene! Quindi occorre individuare un caporedattore o comunque un manager che si occupi di definire la linea editoriale e sviluppi una strategia ben precisa: l'ideale sarebbe una persona con un mix di esperienza sia di marketing che editoriale. Questa figura sarà il regista di tutte le performance che dovranno raggiungere il target: sarà colui che si occuperà di gestire al meglio tutte le risorse dedicate a scrivere contenuti e condividerli in rete, vale a dire collaboratori, scrittori e/o freelance. Infine si occuperà di monitorare e analizzare tutti i parametri che servono per valutare l'operato e migliorare continuamente i risultati.

content_marketing

Su una cosa va posta particolare attenzione: le aziende che realizzano una strategia di content marketing vincente sono quelle che trovano preziosi alleati proprio all'interno della propria squadra. Che cosa significa? Datevi un'occhiata in giro: sarete sicuramente circondati da colleghi che si interfacciano quotidianamente con le problematiche aziendali ma soprattutto con i clienti e perché no anche con la concorrenza. Ecco il segreto: tutti possono, anzi devono, collaborare alla creazione di contenuti. Ognuno di loro alla fine della giornata avrà raccolto sicuramente materiale interessantissimo: presentazioni, appunti di riunioni, immagini scattate ad un evento o ad una fiera, video che testimoniano situazioni particolari, mail ricevute da clienti e così via. I collaboratori che sono maggiormente coinvolti e a stretto contatto con la clientela saranno i vostri migliori collaboratori nella creazione e produzione di contenuti interessanti.

content_marketing

Ma cosa occorre fare perché queste persone vi forniscano il prezioso materiale? Ovvero come riuscire a coinvolgere tutta la squadra? Siate consapevoli che ognuno di loro è utile: che si tratti di consulenti di vendita, responsabili di prodotto, direttore del personale, addetti all'amministrazione o al customer care, tutti sono in grado di fornire notizie e informazioni interessanti. Sta a voi poi trasformarle in contenuti accattivanti aggiungendo un pizzico di inventiva e qualità per raggiungere il target. E poi fate forza su queste 3 leve per ottenere ciò che volete:

     Consapevolezza

spiegate a tutti come le informazioni che vi forniranno saranno trasformate in contenuti interessanti da comunicare ad un pubblico specifico e perché sono così importanti per l’azienda: se non si comprende appieno questo passaggio sarà inutile andare avanti

     Motivazione

programmate brevi sessioni di formazione per spiegare cos'è il content marketing e come funzionano i social media: molti di loro sapranno già di cosa parlate ma andate a fondo per far comprendere come il sapiente uso di questi mezzi porti traffico, clienti e profitti, quindi faccia bene a tutto il team

     Organizzazione

disponete un luogo, uno spazio fisico e/o virtuale, all'interno del quale condividere tutto il materiale: bisogna che ognuno sappia in ogni momento cosa condividere e con chi, in modo facile e veloce

Per le aziende che operano in settori in cui le informazioni e i contenuti di marketing sono particolarmente importanti, come ad esempio nel B2B, in accordo con il personale, può risultare di grande supporto organizzare una breve formazione specifica per poter mettere nelle condizioni i collaboratori di interagire con fluidità all'interno dei gruppi di Linkedin, oppure usare Slideshare o ancora Twitter.

Sia ben chiaro: non significa che tutti in azienda debbano diventare digital pr, blogger, scrittori o marketer perché ognuno deve continuare a svolgere i propri compiti, si tratta di riuscire a combinare al meglio tutte le voci, i volti e le personalità in modo da far bene al business dell'azienda.

Perché ciò che importa è essere trovati da chi vi cerca.

Dare ai clienti le risposte che si aspettano da voi.

Interagire con loro per creare la famosa catena di passaparola in modo che tutti possano trarne beneficio.

[socialbox title=”Per approfondire o se hai bisogno di un supporto nell’organizzazione scrivici!” url=”mailto:info@wiff.it” icon=”http://www.wiff.it/wp-content/themes/proxim/images/contact/01.png” colore=”#A66A00″]

 
web_marketing_2014

Il web marketing nel 2014 ? Ecco i 5 trend principali

Il web marketing nel 2014 sarà caratterizzato da molteplici aspetti e tendenze che ben evidenziano il cambiamento di rotta iniziato qualche anno fa e attualmente in corso.

L'inizio dell'anno e' il momento più adatto per fare il punto su ciò che ha segnato fortemente il web marketing nel 2013 e quindi riflettere su cosa puntare l'attenzione in quello che verrà. Tenendo conto di una pluralità di fonti, sondaggi e ricerche in tema di digital marketing, le tendenze che andranno a caratterizzare il prossimo anno sono sostanzialmente le seguenti:

1) Content Marketing

Il contenuto continuerà a regnare sovrano: produrre contenuti rilevanti e personalizzati e' sempre stato un punto fermo e nel 2014 la sua importanza sarà ancora più grande. I dati parlano chiaro:

  • le aziende che hanno implementato un blog che viene regolarmente aggiornato generano il 67% di lead in più rispetto a chi non ce l’ha;

  • secondo una recente indagine il 78% dei responsabili marketing afferma che il futuro del marketing sia proprio nel “custom content” vale a dire nello sviluppo di contenuti ritagliati sulle caratteristiche di clienti e consumatori.

2) Tablet e Smartphone

Le connessioni si stanno spostando sempre più verso il mobile: secondo uno studio effettuato da Forbes entro il 2017  l'87% dei dispositivi utilizzati saranno tablet e smartphone. Risulta quindi quasi superfluo ribadire che vanno creati siti web e soprattutto contenuti consultabili senza problemi da questi strumenti

3) SEO e Social Media

Facciamo attenzione ad un dato molto importante: il 33% del traffico generato da una ricerca su Google si concentra sul primo risultato visibile in pagina. Da qui l'importanza di dare sempre più spazio all'ottimizzazione dei siti e dei relativi contenuti. Inoltre stanno diventando sempre più importanti i contenuti condivisi sui social media: più cresce il numero di condivisioni e maggiore è la qualità percepita. Ma non solo, la condivisione è il modo più veloce e più sicuro per scatenare un passaparola efficace: la condivisione porta visibilità, popolarità e fiducia. Implementiamo quindi sempre di più bottoni per la condivisione social in calce alle newsletter, alle email, alle offerte, ai post.

4) Immagini e Video

La crescita sempre più rapida di siti come Pinterest, la richiesta sempre maggiore di infografica, la viralità scatenata da video utili e interessanti dimostra come immagini e video stiano prendendo sempre più il posto dei lunghi testi. In effetti il 65% delle persone recepiscono ed elaborano più facilmente e velocemente le immagini rispetto al testo scritto.

Immagini chiare e ben posizionate colpiscono, incuriosiscono e soprattutto rimangono impresse nella mente di utenti e consumatori. Inoltre – dettaglio da non trascurare – le immagini correttamente nominate sono di notevole supporto alla SEO e migliorano l'accessibilità dei contenuti.

5) Customer Experience

Il cliente è sempre più cosciente e sensibile alla esperienza effettivamente vissuta durante l'uso-utilizzo di un prodotto o servizio. Questa esperienza è caratterizzata da tutta quella serie di punti di interazione che vanno enfatizzati sempre di più al fine di soddisfare le esigenze della clientela. E' necessario quindi intervenire tempestivamente per allinearsi a questi cambiamenti e per riuscire, attraverso una serie di iniziative, ad affiancare ed avvicinare il cliente, incontrare le sue aspettative in modo da aumentare la soddisfazione, la fedeltà e il passaparola. Il cliente non va mai lasciato solo ma accompagnato nel processo di cambiamento e conosciuto sempre meglio in modo da offrirgli sempre ciò che si aspetta: insomma puntare ad essere quella che viene chiamata un'azienda Customer Centric.

E' il caso di ribadire che più passa il tempo e più il web diventa intelligente: di conseguenza il web marketing non deve lasciare nulla al caso ed essere pensato sempre più a misura del consumatore. Un'efficace strategia di marketing non può prescindere da una conoscenza accurata del proprio target di riferimento e deve tenere conto di tutti i numerosi aspetti che – ben dosati ed amalgamati – vanno a comporre il complesso puzzle del web marketing 2014.

 


 

[socialbox title=”Hai altre domande? Scrivici!” url=”mailto:info@wiff.it” icon=”http://www.wiff.it/wp-content/themes/proxim/images/contact/01.png” colore=”#A66A00″]